Cerca

News

Tra organigramma e filosofie d'insegnamento, gli scaccati a 360°

Per gli Esordienti in arrivo Labianca, molti giovani giocatori/allenatori dalla Juniores. Tante ambizioni per l'Attività di base con il Responsabile Fulvio Casella

Tra organigramma e filosofie d'insegnamento, gli scaccati a 360°

Sono giorni di trattative per diverse società, tra chi è più avanti e chi invece deve ancora definire alcuni nomi. Non è però il caso del Nichelino Hesperia, che si è mossa con largo anticipo ed ha da poco ufficializzato gli allenatori che faranno parte dell'organigramma della Scuola Calcio per la prossima stagione. Ci sono molte conferme e alcuni volti nuovi tra le fila della società scaccata, ma andiamo a conoscere più nel dettaglio i tecnici.


Esordienti

La primissima novità, l'abbiamo a partire dalle categorie più grandi. Per gli Esordienti 2010 troviamo infatti il neo arrivato Ferdinando Labianca, reduce da una stagione con il Mirafiori. Per i 2011 è stata invece designata la coppia Fabio Pelazza, nell'ultima stagione giocatore della prima squadra proprio del Nichelino, e Davide Pignatale. Ci sarà inoltre una squadra mista di 2010 e 2011, che verrà gestita da Luca Perotto, dove ha già allenato la categoria dei Pulcini e Matteo Cinello, classe 2003, in questa stagione nelle fila della Juniores.

Il Responsabile organizzativo Carlo Valeriano, tornato al Nichelino Hespria poche settimane fa, in occasione della presentazione dell'organgramma tenutasi lunedì sera nella Sala Mattei del Comune

Pulcini

Passando poi ai Pulcini, qui troviamo la conferma di Sebastiano Zurlo, reduce da una stagione proprio con i 2012. Per i classe 2013 ci saranno invece il Presidente del Nichelino Luca Falletie Salvatore Agnello, quest'ultimo ex allenatore degli Esordienti.

Il Presidente Luca Falleti torna in panchina e guiderà i Pulcini 2013

Attività di base

Per le categorie dei più piccoli il Nichelino si guarda invece in casa. Per i Primi Calci 2014 infatti, è stata scelta la coppia composta da Gianfranco Greco, il quale ha già allenato anche i Pulcini, e Gabriele Rovera, classe 2001 e giocatore della Juniores scaccata. Novità invece per i 2015 con gli arrivi di Mauro Castellengo, Valerio Ferri e Alice Gasparro. Infine, il classe 2001 e compagno di squadra di Rovera, Gianmattia Castagnoli è stato designato come allenatore dei Piccoli Amici 2016.

A tu per tu con Fulvio Casella

Parlando sempre dell'Attività di Base, una figura importante è sicuramente quella del Responsabile Fulvio Casella che ci ha parlato della sua carriera. «Ho intrapreso questo progetto con il Nichelino Hesperia con molto entusiasmo, per me lavorare con i più piccoli è sempre un'occasione per formare al meglio i ragazzi fin da subito. In questi ultimi anni, dopo alcune esperienze come quella al Don Bosco Nichelino e alla Juventus, proprio con un ex bianconero Mattia Cinquini abbiamo fondato una Scuola Calcio a Cipro. Era un'idea che avevo da tempo e sono riuscito a realizzarla, ma per i problemi legati alla situazione Covid, sono poi rientrato in Italia dove, attualmente, lavoro in Federazione. La chiamata del Nichelino mi ha fatto molto piacere e spero di poter continuare questo progetto ancora per molto tempo» ha spiegato Casella.

Il direttivo scaccato con al centro il Responsabile dell'Attività di base, Fulvio Casella

Quest'ultimo si è poi soffermato sull'idea che ha di insegnamento e sulla stagione: «Mi ritengo molto soddisfatto della stagione appena conclusa. Stiamo seguendo i piani che mi ero prefissato a inizio anno e questo non può che far piacere. Il merito è anche dei ragazzi e dello staff, allenatori e dirigenti, che si occupano di loro. Qui in società ho trovato due figure molto partecipi e collaborative come il Direttore Generale Damiano Zurlo e il Presidente Luca Falleti, che mi hanno supportato e dato piena libertà di sviluppare le mie idee. La filosofia che seguo è quella di formare i ragazzi, quindi imprimergli fin da subito insegnamenti che poi si porteranno dietro per tutta la loro carriera calcistica e non. L'obbiettivo è quello di lasciare una traccia e un segno indelebile del mio lavoro che, partendo dalla programmazione, possa quindi rimanere negli anni, dando vita a una nuovo metodo di insegnamento».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Terzo Tempo

Caratteri rimanenti: 400

Edicola DIgitale