Cerca

Intervista

Pinerolo, l'istruttore Ciro Annichiarico: «Workshop FIGC super formativo. Si spera di poter giocare presto, fosse per me vivrei in campo ogni giorno»

L'allenatore dei 2010 dopo la serata di aggiornamento con tecnici e psicologi: «Ringrazio la federazione per l'organizzazione »

Ciro Annichiarico: «Workshop super formativo. Campionato anticipato? Si spera, fosse per me vivrei in campo ogni giorno»

La locandina di presentazione del workshop su genesi e sviluppo dell'AST

Al workshop del 20 gennaio organizzato dalla federazione, aperto a tutti i tecnici e dirigenti del Pinerolo, ha partecipato anche Ciro Annichiarico, istruttore dei classe 2010 in casa biancoblù. L'allenatore, piacevolmente sorpreso e soddisfatto dell'esperienza, racconta: «Una serata che ci ha dato la possibilità di ascoltare le parole di un Responsabile tecnico CFT, un Responsabile dei portieri e di uno psicologo. Ci hanno illustrato il loro modo di lavorare e il metodo che utilizzano con i ragazzi nei vari centri sportivi. Dopo averci esposto i loro programmi per il futuro hanno dato al pubblico la possibilità di interagire attivamente con loro, ponendo varie domande. Ciò che più mi ha colpito è stato ascoltare le importanti parole dello psicologo, ritengo che in una realtà dilettantistica sia una vera e propria fortuna poter ascoltare le parole di una figura del genere, non capita tutti i giorni e voglio ritenerlo un vero punto di forza e di arricchimento». 

Una serata, a detta di tutta la società, di formazione e di arricchimento personale, che ha visto la partecipazione non solo di vari tecnici e dirigenti del Pinerolo maschile e femminile ma anche di figure da parte del Carignano e del calcio a 5 femminile. «Vorrei sottolineare la grandissima organizzazione della federazione, ritengo, in veste di istruttore, che giornate come queste siano estremamente importanti ai fini della nostra formazione, io in prima persona tengo molto a rimanere sempre aggiornato e informato. La federazione ci segue ed è molto presente, ci hanno persino illustrato il progetto per l'apertura di un nuovo campo a 5, purtroppo rimandata per via della situazione attuale» - continua Annichiarico.

Tornei momentaneamente sospesi e campionato primaverile che non si sa quando potrà effetivamente cominciare, ma i biancoblù cercano di non fermarsi: «Per quanto mi riguarda il fatto di potersi allenare durante la settimana è già un passo avanti rispetto alle scorse stagioni, in cui abbiamo avuto periodi totalmente vuoti. La situazione rimane, purtroppo, ugualmente complicata per molti motivi: il principale è la continuità. Sono dell'idea che nel calcio, come in ogni sport, istruttori e atleti hanno bisogno di continuità, cosa che ultimamente facciamo fatica ad ottenere. Preferisco che sia tutto bloccato piuttosto che non dare continuità ai miei ragazzi, è giusto sospendere se non ci sono le condizioni di giocare a 360 gradi. La mia più grande speranza è quella di tornare a giocare nella maniera più vicina alla vecchia normalità. Alla ripresa io e il mio gruppo avremo la semifinale del Torneo Corbo, a Mirafiori, di cui purtroppo non so ancora la data, poi appena e se sarà possibile dovremmo giocare il Pulcino di Pasqua. Le difficoltà sono tante e questo ci fa soffrire perché la passione è tanta, fosse per me vivrei in campo ogni giorno» - conclude l'istruttore.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Terzo Tempo

Caratteri rimanenti: 400

Edicola DIgitale