Cerca

Intervista

Junior Torrazza, tutto l'orgoglio del Presidente Franco Sfregola dopo il riconoscimento come Scuola Calcio Qualificata

Dalla crescita esponenziale degli ultimi anni ai tanti progetti tecnici e infrastrutturali in programma per le prossime stagioni

famiglia junior torrazza

La famiglia dello Junior Torrazza al gran completo

Martedì 21 dicembre lo Junior Torrazza ha ricevuto dal Delgato Provinciale per l'Attività di Base della delegazione di Ivrea, Marco Gaido, la targa e la medaglia per il riconoscimento come Scuola Calcio Qualificata. Un attestato importante per una realtà appartenente a un comune come Torrazza Piemonte e un grande orgoglio per coloro che hanno lavorato sodo in questi 25 anni di vita del club. Tra questi, a dare un contributo fondamentale negli ultimi 12 anni è stato sicuramente Franco Sfregola, dalla scorsa stagione Presidente effettivo, il quale racconta così il percorso che ha portato a quello che è solo il primo di tanti traguardi nei piani della famiglia gialloblù: «La crescita più significativa per la società è avvenuta negli ultimi 3-4 anni durante i quali la missione è stata quella di aumentare soprattutto la nostra credibilità. Facendo piccoli passi avanti di volta in volta siamo riusciti ad accrescere il numero degli iscritti dalle 60/70 unità fino ai 210 di quest’ultimo anno che per un paese molto piccolo come Torrazza significa veramente tanto - esordisce il Pres -. Seguendo una precisa visione iniziale abbiamo optato per investimenti mirati prima di tutto dal punto di vista tecnico, reclutando tecnici preparati e qualificati che potessero coprire tutte le annate di scuola calcio e settore giovanile. A oggi possiamo contare su uno staff di 86 persone tra staff tecnico e dirigenti, fondamentali visto che siamo ormai presenti in tutte le categorie dai Piccoli Amici sino a Juniores e prima squadra. In alcune annate abbiamo anche più di un singolo gruppo e uno dei nostri obbiettivi è quello di livellare il più possibile nel segno non solo della quantità ma anche della qualità».

La cerimonia di consegna della targa alla quale han partecipato, oltre al Presindente Franco Sfregola e al Delegato FIGC Marco Gaido, anche il Vice Sindaco di Torrazza Piemonte Alberto Baesso, Direttivo e staff dello Junior Torrazza e il Vice Comandante della Caserma dei Carabinieri di Verolengo Pier Paolo Coniglio.

«L’aver raggiunto questo riconoscimento come Scuola Calcio Qualificata - continua Sfregola - ci inorgoglisce particolarmente anche in virtù del percorso fatto in particolare in quest’ultimo anno. Abbiamo organizzato quattro incontri specifici coinvolgendo giocatori, tecnici, genitori e tutti gli addetti ai lavori durante i quali si sono trattati temi importantissimi per il nostro mondo. Con la presenza di uno psicologo si è discusso di bullismo all’interno degli impianti sportivi mentre con una nutrizionista si è parlato della centralità di corretta e sana alimentazione per gli atleti. Molto interessante e partecipata è poi stata la serata con la Sezione arbitrale di Chivasso rappresentata da Livio Sasanelli: si è capito quanto conti l’educazione che i ragazzi ricevono dai propri allenatori per poi rapportarsi in modo corretto coi direttori di gara e rispettare le regole in partita. Infine si è tenuto un altro incontro sui temi della disabilità con la presenza della associazione Insuperabili ed è stato un momento cruciale per noi in quanto teniamo particolarmente a essere il più inclusivi possibile per tentare di consentire a tutti di praticare sport. In questo senso gioca un ruolo centrale la questione dell’abbattimento delle barriere architettoniche».

I gruppi di Piccoli Amici e Primi Calci gialloblù

E un aspetto che sta sicuramente a cuore al Presidente Sfregola e a tutto lo Junior Torrazza è proprio quello riguardante le infrastrutture, visti i grandi progetti in programma per le prossime stagioni sportive: «Oltre all’obbiettivo fondamentale di diventare Scuola Calcio Elite per la stagione 2022-2023 e al desiderio di garantire alla prima squadra di essere un punto di arrivo per i più piccoli attraverso una permanenza sicura tra Prima Categoria e Promozione, nell’ultimo periodo abbiamo lavorato sodo anche per quanto riguarda l’organizzazione continuativa dei tornei. In questo senso abbiamo riscontrato grande apprezzamento da parte delle società ospitate che addirittura ormai dimostrano spontaneamente la propria voglia di tornare a Torrazza per disputare nuove manifestazioni. Abbiamo la fortuna di poter disporre di due campi a undici dei quali uno appositamente per le partite oltreché di un campo a 8 e di due campi di calcio a 5 ma dal punto di vista delle infrastrutture sappiamo di poter fare ancora molto. È proprio per questo che è in progetto la costruzione dei uno “Junior Village” nel quale investiremo risorse importanti.

Pulcini ed Esordienti dello Junior Torrazza

Teniamo particolarmente a curare anche la parte estetica oltreché quella tecnica e dopo aver recentemente inaugurato la segreteria abbiamo acquistato 12 spogliatoi per far fronte all’importante affluenza di squadre in vista proprio dei prossimi tornei. Inoltre aggiungeremo all’impianto anche una nuova tribuna. Abbiamo la fortuna di essere in forte sinergia con l’amministrazione comunale che si rende conto di come la nostra possa essere un’eccellenza del territorio, un piccolo miracolo per una zona come quella del canavese dove abbiamo cercato di sfruttare le opportunità del post-pandemia per portare avanti ampie prospettive di crescita. In questo senso il passa-parola conta veramente molto» conclude il Pres Sfregola.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Terzo Tempo

Caratteri rimanenti: 400

Edicola DIgitale