Cerca

Idee chiare e lavoro minuzioso: ecco il Cumiana 2008 di Lussiana

bbce8b8f-8250-483f-bf3d-fd5f64847fbc
Kevin Lussiana è l'istruttore degli Esordienti 2008 del Cumiana, un gruppo che aveva iniziato bene la stagione prima che il campionato si interrompesse nuovamente. Dalla storia che ci ha raccontato traspare tutta la passione per il gioco del calcio, iniziato a praticare da giovanissimo: « La mia carriera calcistica è iniziata all’età di 6 anni nella squadra del vecchio Giaveno Boys, da quel momento in poi non ho mai smesso di giocare. Sono cresciuto lì nelle giovanili per poi fare due anni di allievi alla Bruinese, dove ho avuto la fortuna di poter giocare nel campionato regionale. Ho fatto un anno di Juniores, per poi tornare al GiavenoCoazze dove ho vinto il campionato provinciale (con un gruppo e un allenatore fantastico) e poi ho iniziato a giocare in prima squadra fino a raggiungere la Prima Categoria». Per quel che riguarda il futuro, i piani di Lussiana sembrano piuttosto chiari; lavorare e migliorare affinché il mestiere di allenatore diventi la sua prima occupazione: « Da piccolo avevo il sogno nel cassetto di diventare un giorno allenatore, e di farlo come vero e unico lavoro. Un sogno audace, difficilmente realizzabile, ed è per questo che ho voluto continuare gli studi universitari alla facoltà di Economia, ma con grande impegno, voglia e dedizione magari arriverà la grande occasione un giorno. È partito tutto all’improvviso, ben 6 anni fa: per caso mi è stato chiesto di andare a vedere un allenamento di bambini, e ho dato semplicemente una mano in campo con il materiale. Mi era piaciuto talmente tanto che da quel giorno in poi avevo solo più una cosa in testa: allenare i ragazzi. Ho iniziato a muovere i miei primi passi da allenatore al Rosta (Stagione 2015/2016) con una squadra di Pulcini, allenando insieme ad un mio carissimo amico ora all’Alpignano. Inizialmente, però, volevo continuare anche a giocare ed è per questo che successivamente ho iniziato ad allenare al GiavenoCoazze (dove giocavo in prima squadra), facendo due anni splendidi con una squadra di Primi Calci 2009 per poi farne due altrettanto stimolanti e magnifici con gli Esordienti 2007. Lo scorso anno sono riuscito ad ottenere il patentino UEFA C a Ceva, che da anni desideravo prendere, mi ha permesso di aprire diverse porte e ho deciso di dedicarmi solo a questa stupenda professione, perché ciò che ti lasciano i ragazzi è qualcosa di indescrivibile, emozioni e brividi in ogni momento, che sia allenamento o partita. Per questo ho deciso di lasciare il calcio giocato anche se ero ancora molto giovane (22 anni), in maniera tale da dedicare tutto il mio tempo proprio a loro. Mi piacerebbe nel futuro entrare a far parte del Settore giovanile, dopo aver allenato praticamente tutte le categorie della Scuola calcio. Per quest’anno ero alla ricerca di nuove sfide stimolanti, dove poter imparare e crescere ancora tanto, e dopo una serie di eventi e imprevisti, mi si è presentata l’opportunità del Cumiana Calcio, una società molto in crescita negli ultimi anni, dove ho trovato un ambiente fantastico, persone splendide con cui confrontarmi e crescere ogni giorno, e attualmente alleno il gruppo Esordienti 2008». Nella sua prima stagione al Cumiana, Lussiana ci tiene a dare la propria impronta di gioco alla squadra. Anche in un momento complicato come questo, gli esordienti gialloblù si incontrano una volta a settimana online per studiare la teoria del gioco del pallone e analizzare diverse situazioni tattiche: « Questa è una squadra che fin da subito mi ha dimostrato tanta voglia di imparare, i ragazzi sono molto uniti tra loro. Sono una squadra combattiva, che non molla mai, con tanto margine di miglioramento e con discrete qualità tecniche. Difficilmente i ragazzi saltano l’allenamento e si stanno adattando alle mie idee di gioco: l’obiettivo principale è sempre quello di giocare la palla, senza mai buttarla. Costruzione dal basso, giocate veloci con pochi tocchi, continui cambi gioco e una volta persa la palla l’importante è essere compatti e aggressivi per recuperarla il prima possibile. Sono contento del lavoro svolto anche se siamo solo all’inizio e la strada è ancora lunga. Ora che purtroppo la pandemia ci tiene lontano dai campi e distanti tra noi, non abbiamo comunque mollato e ci vediamo una volta a settimana online, in modo da continuare a fare gruppo e andiamo ad alternare momenti di “teoria” con analisi video su vari concetti tattici e momenti di gioco con quiz sul mondo del calcio, il tutto con tanta partecipazione e divertimento di tutti, che poi è la vera essenza del calcio».   Cumiana 2008 Lussiana Questi sono i ragazzi che compongono il gruppo degli esordienti 2008 del Cumiana: Domenico Altamura: portiere bravo tra i pali, con buoni riflessi e buona posizione. Tanto impegno e tanta voglia di imparare. Stefano Calogero: difensore molto aggressivo, non molla mai un centimetro. Bartek Rondinella: difensore molto veloce e agile, con un buon tempismo di intervento. Michele Chiabrando: mancino naturale, terzino con un buon senso della posizione e buona lettura delle azioni avversarie. Luca Borla: può giocare sia da difensore che da centrocampista centrale, buone doti tecniche e molto forte di testa. Un muro difficile da superare. Fabio Colombatto: jolly sulla corsia esterna, buona velocità e buon tiro in porta. Luca Rellecati: esterno offensivo, tecnica estrosa e bravo nell’1vs1. Lorenzo Mingirulli: play davanti alla difesa, molto dinamico e attento a leggere le situazioni di gioco, mescola quantità e qualità. Pietro Giachino: capitano della squadra, centrocampista offensivo con buona corsa, molto creativo e dotato di ottima visione di gioco. Simone Borsezio: centrocampista duttile, si è subito distinto per grande impegno e voglia di imparare. Jan Kubiak: attaccante veloce, giocate semplici ma efficaci. Mikael Panarelli: giocatore ambidestro, può ricoprire qualsiasi ruolo offensivo, gran tiratore dalla distanza. Pier Giorgio Pitzalis: difensore roccioso, con un ottimo mancino. Buona coordinazione e gran tiratore dalla distanza. Manuel Rizzati: tuttofare, gran senso del gioco e della posizione. Motivatore in campo per i compagni. Sempre molto concentrato sia in allenamento che in partita. Nicolas Sciarra: attaccante moderno, veloce, rapido. Molto estroso, noto per la sua bravura nel dribbling ed è un rapinatore in area di rigore.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Terzo Tempo

Caratteri rimanenti: 400

Edicola DIgitale