Cerca

Torino-Venaria Torneo Fair Play Élite: Salvai ne fa due, ma vola anche un cartellino Verde per Lasagno

Davide Lasagno del Venaria, cartellino Verde

Davide Lasagno del Venaria, cartellino Verde della partita

È cominciato dunque il Torneo Fair Play Élite Under 13 e in Via Nitti 6 sono tornate finalmente a darsi battaglia due compagini che da ottobre non vedevano l'ora di calcare un terreno di gioco: Torino e Venaria. A spuntarla sono stati i granata di Fabrizio Avenati che, con un punteggio di 3-0 (a reti 8-0), sono andati a vincere tutti e tre i tempi di gioco da 20' contro un Venaria solido ma dalla rosa più corta degli avversari. Un inizio inaspettato quello andato in scena nel primo tempo. Ad impegnare il portiere avversario infatti ci hanno pensato i cervotti che con Patrick Capobianco si sono resi molto pericolosi, trovando però la reazione attenta di Pierre Corrado Reali a far da guardia ai pali granata nella prima frazione. Da numero 7 a numero 7, dall'altra parte il primo vero squillo del Toro arriva con un bellissimo controllo di tacco volante di Sebastiano Costantino mettendo fuori causa un avversario, poi però rientrando per tirare si è ritrovato contro il muro verdearancio eretto dalla difesa del Venaria. Ma al 9' ecco la prima rete. Ci pensa proprio Costantino a sbloccarla con una forte botta da fuori che coglie di sorpresa il portiere cervotto. Passano 3' ed ecco un'altra grande occasione, cross dalla destra di Souza Pochettino che prende la traversa, poi l'azione prosegue, il pallone torna al mittente e Pochettino di sinistro trova una grande reazione di Francesco Catanzariti che ne neutralizza il tiro. Al 16' poi un'altro evento chiave: Federico Moraglio va giù in area e l'arbitro non ha dubbi nel fischiare rigore. Dal dischetto va proprio il numero 10 che non sbaglia e raddoppia il risultato. È il 19' quando invece, sul finire del primo tempo, succede qualcosa di particolare. Ancora Costantino lascia partire una sassata da fuori che si stampa nel palo interno della porta, quello che tiene su la rete, e schizza fuori. Per l'arbitro il pallone non è entrato. Davide Lasagno, numero 6 verdearancio, però ha visto tutto e confessa al direttore di gara il gol del Toro. L'arbitro mette mano al taschino ed estrae il cartellino verde, premio assegnato a un giocatore per un gesto di disinteressata sportività durante il match. 3-0 che assegna il primo tempo al Torino. Secondo tempo di ricambi granata e si vede, perché se il Toro per la seconda frazione cambia 7 giocatori su 9 il Venaria se ne può permettere solo 4. Torelli freschi contro cervotti un po' più affaticati da un primo tempo fatto di rincorse. Al 6' è il turno di Tito Polimeni di gonfiare la rete per i granata con una gran botta da fuori dopo aver raccolto una bella respinta di Francesco Calarco, portiere di questo secondo tempo verdearancio. Al 10' arriva il quinto gol. Il giovanissimo Pietro Salvai (classe 2010) che raccoglie di prima una bella punizione dalla sinistra di Moraglio e insacca alla destra del portiere. Ma il ragazzino non si accontenta e al 10' ecco la doppietta: botta forte e tesa da lontano che colpisce in pieno il palo e rimbalza alle spalle di Calarco per il 6-0. Allo scadere ecco anche il settimo sigillo con una splendida azione corale granata: Federico Moraglio la tocca dentro per Marco Aimone che la appoggia all'accorrente Matteo Locuratolo che lascia partire la botta terminante in fondo al sacco. 7-0 come gol e fine secondo tempo. Equilibrio è la parola chiave del terzo tempo, le due compagini infatti arrivano stanche all'ultima frazione visto che nelle due precedenti non si sono certo risparmiate. Il Venaria di Sponzilli torna a farsi vedere in avanti con un paio di punizioni da due zone molto simili tra di loro, con il numero 5 Gabriele Pipicella a battere, ma in entrambe le occasioni il pallone sorvola di poco la traversa sopra la testa di Reale. Dall'altra parte prova ad infilare in velocità la difesa del Venaria Costantino grazie a un bel lancio dalle retrovie, ma è bravissimo Calarco ad entrare sul pallone con i guantoni e anticipare il 7 granata. A metà tempo ecco una girandola di cambi, sulla sinistra del Toro si vedono i gemelli Aimone, con Luca arretrato e Marco a fare da ala avanzata. E sono proprio loro due i protagonisti dell'ultimo tempo. Al 13' arriva l'ottavo gol della partita, con Marco Aimone che raccoglie bene in area un traversone dalla destra e ribatte in rete. Più tardi è Luca a rendersi fondamentale per il mantenimento del vantaggio: Gianluca Maina infatti parte benissimo in velocità sul suo lato, ma il 16 granata è bravissimo a coprire la visuale al 2 verdeoro al momento del tiro in un'occasione decisiva.

Torino
Marco Aimone, Vittorio Ramondetti e Luca Aimone

IL TABELLINO

TORINO-VENARIA 3-0 RETI: 9' Costantino (T), 16' rig. Moraglio (T), 19' Costantino (T), 6' st Polimeni (T), 10' st Salvai (T), 16' st Salvai (T), 20' st Locuratolo (T), 13' tt Aimone M. (T). TORINO: Salaroglio, Piga , Caradonna, Ramondetti, Pochettino, Locuratolo, Costantino, Giambavicchio Franco, Polimeni, Moraglio, Cai. A disp. Reale Pierre, Pierro, Greco, Salvai, Aimone L., Aimone M., Traversi. All. Avenati Fabrizio. Dir. Ratazzi. VENARIA: Catanzariti, Maina, Sio, Ippolito, Pipicella, Lasagno, Capobianco, Gerardo, Di Marco, , Gallardo. A disp. Calarco, Uzor, Bounaoui, Macario. All. Sponzilli. Dir. Pipicella.

L'INTERVISTA

Queste le parole di Fabrizio Avenati, istruttore del Torino, nel post partita: «È il nostro primo torneo da quando ci siamo fermati in ottobre. Eravamo fermi da otto mesi, direi che ho ricevuto segnali molto positivi dai ragazzi. Rispetto agli avversari i miei avevano un anno in meno, in più c'era anche Salvai che è un 2010 ma non lo dimostra. Giocherà fisso con i 2009 anche l'anno prossimo, sarebbe sprecato tra i suoi coetanei. Il Venaria è una squadra molto fisica, ma non sono mai stati in partita. Abbiamo giocato molto bene».
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Terzo Tempo

Caratteri rimanenti: 400

Edicola DIgitale