Cerca

Kl Pertusa-Bruinese Esordienti: Timofte la sblocca, ma poi ci pensa Saggia a ribaltare il match

Nicolò Saggia, Bruinese 2008, in rovesciata (foto Vittorio Freguglia)

Nicolò Saggia, Bruinese 2008, in rovesciata (foto Vittorio Freguglia)

Un’amichevole al sapore di partita di campionato quella che si è disputata al campo “Lingotto” di Torino, in casa KL Pertusa, contro gli ospiti, gli Esordienti 2008 della Bruinese. Triangolazioni efficaci, allunghi promettenti e tanti gol: questi gli ingredienti principali della partita che ha visto uscire vincitori i ragazzi della Bruinese per 7 reti contro le 2 dei padroni di casa. Entrambe le squadre hanno dimostrato personalità e un’energia fuori dal comune, dando luogo ad un incontro che si è guadagnato gli applausi del pubblico presente, e portano davvero a chiedersi “Sul serio questi ragazzi hanno solo 13 anni?!”. Sarà stata l’assenza prolungata dal terreno di gioco, sarà stato l’entusiasmo di ritornare all’agonismo più puro che esista, o forse entrambe le cose, ma veder giocare così bene dei calciatori in erba è un toccasana per l’anima. Andiamo a rivivere i momenti salienti della partita.

La formazione della Bruinese di Fabrizio Oranges
La formazione della Bruinese di Fabrizio Oranges

La rosa del Kl Pertusa di Raffaele Pascarella
La rosa del Kl Pertusa di Raffaele Pascarella

Diesel. I primi minuti della partita portano tutti la firma del Pertusa, che cerca d’imporre il il suo gioco: la difesa della Bruinese, però, non si lascia né intimorire né scalfire e si chiude a riccio come le più efficaci e impenetrabili testuggini romane. I ragazzi di Raffaele Pascarella non si danno per vinti e rispondono alla difesa avversaria con un pressing battente che impedisce alla formazione di Fabrizio Oranges di ragionare con calma sul da farsi e costruire l’azione. Il cronometro indica il 5’ quando con un guizzo Daniel Timofte riesce a trovare un fazzoletto di terreno in cui insinuarsi e scagliare dalla lunga distanza una palombella che elegantemente gonfia la rete, portando i padroni di casa sull’1-0. All’8’ ancora il Pertusa in avanti sulla fascia sinistra, ma il cross in mezzo non trova nessun attaccante pronto a mettere la palla dentro. Come risvegliatisi da un sogno, i giocatori della Bruinese cominciano a prendere confidenza col ritmo di gioco e danno vita a una spettacolare azione corale al 10’, composta da passaggi rapidi e precisi che arrivano sotto la porta di Alessandro Mellal e lo impegnano con un tiro centrale senza troppe pretese, e ancora loro al 12’, approfittando di un “inghippo” nella difesa, tirano un bolide su cui il portiere si avventa coraggiosamente, negando la soddisfazione del pareggio. Da questo momento in avanti, è un assedio dei biancoblù, che ci provano in tutte le salse e da tutte le angolazioni: un piattone ben calibrato ma centrale al 13’, un rasoterra infimo deviato in angolo al 15’, dal limite dell’area sfiorando la traversa al 16’, uno spettacolare tiro al volo che finisce alto al 18’. La costanza degli ospiti viene premiata al 19’, quando Nicolò Saggia scaglia in porta un rasoterra imprendibile perfino per l’abilissimo Mellal. E’ 1-1. La Bruinese propone un gioco di squadra da brividi, fatto di triangolazioni, stop e passaggi filtranti che spostano il pallone alla velocità della luce; il Pertusa cerca di rimediare come può, stringendo le fila della difesa e “spazzando” lontano, ma il gol della rimonta arriva ugualmente al 23’, con la firma del solito Saggia, che spiazza Mellal con un diagonale certosino. 1-2. I padroni di casa non ci stanno, cominciano a macinare terreno più rapidamente e ad affrontare i ragazzi della Bruinese mettendoci il fisico: al 25’ un tiro fortissimo finisce di poco sulla testa del portiere Aloj. Rinvio dal fondo, passaggi di un tocco come il miglior tiki-taka e la Bruinese è di nuovo al cospetto di Mellal: Saggia non perdona e con un tiro che s’insacca nell’angolino alto al 29’ porta la sua squadra sul punteggio di 1-3, pochi istanti prima del fischio arbitrale. Scacco matto. Proprio come nella prima frazione di gioco, all’inizio è il Pertusa a dettare il ritmo: al 3’ Ayo Tayo piazza nell’angolino basso il 2-3 e riaccende le speranze della propria squadra. Al 5’ è ancora il Pertusa in avanti, con l’attaccante di sfondamento che si libera di due difensori ma viene murato da un terzo. C’è aria di pareggio, gli attaccanti della squadra giallo-verde iniziano a crederci di più e a rendersi pericolosi, ma la difesa a testuggine blinda qualsiasi tentativo. Al 10’ gli ospiti ricominciano a far girare la testa coi loro passaggi rapidissimi, impreziositi da una veronica a centrocampo che lascia a bocca aperta: il tiro, però, fa la barba al palo, col pubblico già pronto ad esultare. Che gol sarebbe stato! Ovviamente il Pertusa non è da meno, ed eccolo riproporsi in avanti al 15’ con un attaccante smarcatissimo dalle spire della difesa biancoblù; ci pensa il portiere che esce dalla propria area e in scivolata spedisce il pallone in fallo laterale, estinguendo la fiamma del gol. Un Cristian Ostorero scatenato lungo la fascia della Bruinese si libera degli avversari e scaraventa in porta un tiro potentissimo al 16’, dopo aver vinto un rimpallo, ma il palo gli nega di firmare il tabellino. Niente paura, perchè pochi minuti dopo, al 20’, sempre lui si lancia in un tiro a giro brillante che però viene respinto dai guantoni di Mellal - senz’altro uno dei migliori in campo, oggi- e trova il piede del compagno di squadra Gabriel Didonè che accompagna il pallone in porta. 2-4. Cinque minuti più tardi, Ostorero non si accontenta dell’assist e decide che è arrivato anche il suo turno di far gol: eccolo arrivare sotto porta, dopo la solita serie di triangolazioni, e beffare Mellal andandosi a cercare l’angolino più lontano. Il punteggio è 2-5 per la Bruinese, il ritmo comincia a calare con la stanchezza che si fa sentire, ma non per gli attaccanti del Pertusa che arrivano in area avversaria e sciupano l’occasione colpendo male il pallone che s’impenna sopra la traversa al 29’. Al 31’ la fortuna arride ai biancoblù e Cristian Lamagna scaraventa in porta un tiro sapientemente respinto da Mellal, che però si lascia scivolare il pallone dai guanti e rotola in rete, portando il punteggio sul 2-6. Le formazioni sono stremate, il caldo si fa sentire così come la stanchezza dopo tanta corsa: nonostante ciò la Bruinese trova le energie per l’ultimo gol, arrivato su calcio d’angolo, ancora una volta dopo un tiro respinto dal portiere; questa volta la firma è di Giordi Spagnoli, al 35’, che chiude una partita incredibile.   Vedere la grinta delle formazioni, la voglia di far bene di entrambe le società e la partecipazione di istruttori e dirigenti, tra cui ricordiamo, per le file della Bruinese, Michele Avolio, Rocco Claudio Maggio, Stefano Caporaso e Claudia Redavid, sempre pronti a supportare e incoraggiare questi ragazzi a praticare lo sport più bello del mondo fa pensare solo una cosa: bentornato CALCIO, ci sei mancato!

Fabio Oranges, allenatore degli Esordienti 2008 della Bruinese
Fabio Oranges, allenatore degli Esordienti 2008 della Bruinese

Claudia Redavid
Claudia Greco

Da sinistra: Fabrizio Oranges, Michele Avolio, Rocco Claudio Maggio, e Stefano Caporaso
Da sinistra: Fabrizio Oranges, Michele Avolio, Rocco Claudio Maggio, e Stefano Caporaso

LE FOTO SONO STATE SCATTATE DA VITTORIO FREGUGLIA CHE RINGRAZIAMO  

IL TABELLINO

Kl Pertusa-Bruinese 2-7 RETI: 5' Timofte (K), 19' Saggia (B), 23' Saggia (B), 29' Saggia (B), 3' st Tayo (K), 20' st Didonè (B), 25' st Ostorero (B), 31' st Lamagna (B), 35' st Spagnoli (B). KL PERTUSA: Mellal Alessandro, Bruzzè, Osegbo , Esposito, Abaray, Angiletta, Stella, Della Rovere, Massaro, Timofte, El Moutaouakkil, Tayo. All. Pascarella. Dir. Esposito. BRUINESE: Aloj, Gili, Caporaso, Avolio, Maggio, Sarri, Sivera, Redavid, Didonè, Freguglia, Spagnoli, Lamagna, Nigra, Ostorero, Saggia. All. Oranges. Dir. Avolio.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Terzo Tempo

Caratteri rimanenti: 400

Edicola DIgitale