Cerca

NEWS

La nuova avventura di Diego Di Parigi: il tecnico riparte dagli Eso 2009 dell'Olympic Collegno

Prima esperienza nella Scuola calcio dopo tanti anni di Settore giovanile

Diego Di Parigi

Diego Di Parigi, nuovo istruttore dei 2009 dell'Olympic Collegno

Diego Di Parigi è una delle ultime novità in casa Olympic Collegno. Tecnico con una lunga esperienza nel Settore giovanile - Mappanese, Lesna Gold e Rivoli le società per le quali ha allenato nelle ultime stagioni - Di Parigi approda in arancionero, dove allenerà gli Esordienti 2009, dopo l'ultima avventura con i 2005 del Pianezza.

Le prime impressioni

«Per me sarà la prima stagione nella Scuola calcio» - esordisce il neo istruttore. «Ho accettato di prendere questo gruppo di 2009 con l'ottica di tenerlo per tre anni, in modo da accompagnarli in questo anno di transizione ancora di calcio a nove per poi farli crescere nelle prime due stagioni all'interno del Settore giovanile. È una squadra molto buona che in queste prime due settimane di lavoro, tra allenamenti e gare interne con i 2008, mi ha già dato buoni segnali in vista di settembre. Sicuramente cercheremo di completare l'organico con un paio di elementi ma le basi fanno già ben sperare».

L'importanza del Resp. Rubicondo

Tra i motivi che hanno spinto Di Parigi ad accettare questa avventura per lui tutta nuova, quello sicuramente più importante è la presenza nell'organigramma societario del Responsabile della Scuola Calcio, Nunzio Rubicondo: «Devo dire che se oggi sono qui in gran parte è per il legame che ho con Nunzio. Siamo già stati insieme al Lesna e il fatto di ritrovarlo qui all'Olympic è sicuramente stato un bell'incentivo ulteriore. Come detto, per me lavorare con i più piccoli è un'assoluta novità ma dopo lo smantellamento del mio gruppo del Pianezza 2005, ho pensato che avesse più senso ripartire da un'annata come i 2009 piuttosto che dover ricostruire da zero una squadra del Settore giovanile. Per me è un cambio importante ed è un modo per rimettermi in gioco all'interno di un mondo che non conosco personalmente. C'è comunque da dire che, avendo mio figlio Alessio proprio del 2009 che gioca a calcio da anni, so come rapportarmi con questa fascia d'età».

I ringraziamenti al Pianezza

A monte della scelta di allontanarsi dal Pianezza, non c'è dunque per Di Parigi alcun motivo legato a dissapori con la società rossoblù: «Ci tengo anzi a ringraziare sia il presidente uscente Gianni Corrarati che il subentrante Luca Dello Russo. Sicuramente non vado via da Pianezza per problemi legati al rapporto con loro ma solamente perché il percorso con i miei 2005 era giunto a un punto di non ritorno inevitabile dopo che molti ragazzi hanno deciso di percorre altre strade. Ora per me inizia un nuovo capitolo».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Terzo Tempo

Caratteri rimanenti: 400

Edicola DIgitale