Cerca

Tornei

Caduti di Superga: Macagnone e Rulfi portano in finale la CBS, Lascaris ancora in fondo grazie a una super prestazione corale

Due semifinali dall'andamento opposto: grande battaglia tra i rossoneri e il Lucento; pianezzesi senza patemi sulla Sisport

lascaris santoro

Dopo All Stars e Superoscar sarà ancora finale per il Lascaris di Umberto Santoro

La Scuola calcio non si ferma mai e anche alla vigilia di Natale non mancano verdetti importanti: in virtù dei risultati delle due semifinali disputatesi nel primo pomeriggio di questo venerdì 24 dicembre sarà CBS-Lascaris l'ultimo atto del prestigioso "Caduti di Superga". Al termine di una vera e propria battaglia senza esclusione di colpi i diavoletti rossoneri di Giovanni Venere superano infatti 2-1 i padroni di casa del Lucento e staccano il pass per la finalissima di domenica 26, Boxing day in cui troveranno la corazzata Lascaris, capace di avere la meglio sulla Sisport con un 5-0 senza appello firmato da Alessandro Penta, Fabio Audrito, un doppio Filippo Marengo e da William Mangino. La squadra di Umberto Santoro potrà così giocarsi un altro trofeo importante dopo i trionfi di All Stars e Superoscar, oltre che la vittoria nel Girone H del campionato autunnale.

LUCENTO-CBS 1-2

La prima delle due semifinali inzia come meglio non potrebbe per i rossoneri: Milanetto trova in area Nicholas Macagnone che ancora una volta si fa trovare pronto all'appuntamento con il gol e già al 1' sigla il vantaggio per i diavoletti. La risposta dei padroni di casa arriva nell'immediato ma quel che manca è la precisione sotto porta. Suraci, Casazza e soprattutto Cardona hanno sui piedi palloni importanti per il pareggio ma mancano al momento della conclusione. Vero è che il pacchetto arretrato della CBS, composto da Iannacone, capitan Mollo e Lazzarone funziona alla grandissima e impedisce spesso una finalizzazione pulita agli avanti del Lucento. Tra il tanto provarci dei lucentini, il portiere ospite Conca non è però di fatto mai chiamato a interventi impegnativi ed è anzi Frascaria a doversi far trovare pronto dalla parte opposta con una bella uscita bassa sul lanciato Macagnone. Dopo tanto batti e ribatti, il match si accende soprattutto in chiusura di prima frazione con il raddoppio annullato alla CBS per una posizione di fuorigioco di non facile interpretazione. Da quel momento infatti la tensione tra le due compagini - già affrontatesi tanto nel girone eliminatorio quanto nel Girone H del campionato autunnale con entrambe le gare finite in parità - comincia a salire e nella ripresa la partita si fa molto più scorbutica. Dopo una decina di minuti segnata da tanti falli e discussioni tra le panchine, al 12' il Lucento pareggia con una bellissima azione iniziata dal lancio in profondità di Perardi per la sponda di Bandinella che regala al subentrato Simone Patruno l'assist per l'1-1. Grandissima anche la conclusione al volo dell'attaccante lucentino che lascia rimbalzare una volta il pallone e poi colpisce al volo trovando la rete con potenza e precisione. Un gol che ha tutti i connotati per essere una bella iniezione di fiducia per il Lucento che però solo pochi istanti dopo si vede di nuovo sorpassare dai rossoneri: Patella sbaglia il rinvio coi piedi e concede a Sergio Rulfi l'opportunità di calciare in porta indisturbato da una decina di metri; l'incursore rossonero non si fa pregare e batte lo stesso Patella che riesce solo a smorzare una conclusione che si insacca per l'1-2 finale. Nei dieci minuti finali infatti i ragazzi di Domenico Delli Calici non riescono a riacciuffare il pareggio ma ci vanno solamente vicino con il destro al volo di Fiorito il quale però non inquadra lo specchio dopo la sponda ancora dell'ottimo Patruno. Finisce così con la festa dei diavoletti targati Giovanni Venere.

LASCARIS-SISPORT 5-0

Non c'è molta storia invece nella seconda semifinale dove i pianezzesi di Santoro iniziano da subito a cercare la via del gol prima con Scalenghe, poi con Penta e al 10' con Mangino il quale manda largo il tiro a incrociare da ottima posizione su suggerimento di Margiotta. Un avvio d'autorità che culmina al 18' con il vantaggio frimato da Alessandro Penta, esterno sinistro che parte dalla linea difensiva e si rende protagonista di un'azione veramente irresistibile conclusa nel migliore dei modi incrociando sul palo lontano per l'1-0. Una rete che apre l'ennesimo grande pomeriggio del Lascaris, capace nella ripresa di trovare altre quattro reti. Dopo la traversa al 5' colpita da un potente tiro mancino di Zamboni, Audrito fa prima le prove generali con un bel destro a giro che termina largo e si fa poi trovare pronto in allungo sulla respinta di Labanca per siglare il 2-0 al 10'. Dopodiché sale in cattedra Maengo che al 12' si prende la scena con una splendida azione personale in slalom chiusa con il gol del 3-0 mentre al 16' sfrutta l'ottimo assist di Giliberto per insaccare il quinto gol pianezzese. In mezzo c'è gloria anche per Mangino, lesto a sfruttare una palla vagante a pochi passi dalla linea di porta. Per la Sisport non bastano gli sforzi di Monterosso, Ianachievici e Stasi, migliori in campo tra i ragazzi di Giovanni Augimeri ma non in grado di impensierire l'attentissima retroguardia del Lascaris. La gara termina con un 5-0 che per la banda Santoro significa ancora una volta finale.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Terzo Tempo

Caratteri rimanenti: 400

Edicola DIgitale