Rosta, un nuovo impianto di illuminazione per il Comunale

Il Comune e l’ASD Rosta Calcio hanno annunciato importanti novità per lo stadio di via Ponata

0
196
rosta
Lo Stadio Comunale di via Ponata 65 (foto Facebook Comune di Rosta)

Il Rosta Calcio è tra quelle associazioni che nonostante il periodo non hanno mai pensato di fermarsi. Oltre ad aver sempre garantito ai propri tesserati la possibilità di allenarsi in sicurezza, è stato da poco reso noto l’imminente inizio dei lavori per un ammodernamento dell’impianto di illuminazione dello Stadio Comunale di via Ponata 65.

Grazie a un importante intervento del Comune di Rosta è stato infatti definito un progetto che prevede la realizzazione di quattro torri-faro a LED poste ai lati del campo, in un’ottica di efficientamento energetico. L’opera porterà alla riduzione dei consumi, migliorando l’utilizzo delle fonti di approvvigionamento e impattando positivamente anche sul piano sportivo.

 

Un esempio di campo con quattro torri-faro a led (foto Facebook Comune di Rosta)

Parola al presidente

Albero Zappalà, presidente Rosta Calcio
Alberto Zappalà, presidente Rosta Calcio

Questa la soddisfazione del presidente biancorosso Alberto Zappalà: «Innanzitutto devo ringraziare il Sindaco Domenico Morabito e l’Assessore allo Sport Giulia Anghelone che in rappresentanza del Comune di Rosta ci stanno seguendo e supportando da anni dimostrando sempre di tenere a cuore la situazione dello sport a Rosta e in particolare quella della nostra Associazione.

Il nuovo impianto di illuminazione sarà di ultima generazione e garantirà un risparmio significativo anche per le nostre casse, elemento ancor più importante in un periodo come quello che stiamo vivendo. Questo ammodernamento sarà poi fondamentale anche in un’ottica di maggiore visibilità non solo per il campo di calcio a 7 adiacente allo stadio ma in generale perché consentirà a tutto il complesso sportivo di essere più riconoscibile anche dall’esterno e in lontananza.

In questi anni noi abbiamo fatto la nostra parte aumentando di credibilità attraverso i risultati sportivi con le varie squadre nei Regionali, la prima squadra che vuole fortemente salire di categoria e soprattutto i 350 iscritti che per un comune come Rosta sono un bel traguardo.

Il Comunale di via Ponata è un punto di aggregazione cruciale per i giovani rostesi e siamo quindi molto motivati a migliorare la struttura in modo che si adatti il più possibile alle loro esigenze».

 

Il sindaco di Rosta, Domenico Morabito, e l’Assessore allo Sport Giulia Anghelone (foto Facebook Comune di Rosta)

 

E chi da tempo lavora per garantire il maggior comfort possibile agli sportivi è senza dubbio l’Assessore – oltre che allo Sport anche all’Ambiente e alla Digitalizzazione – Giulia Anghelone.

Oltre vent’anni nel mondo dello sport

Sciatrice da quando ne aveva sei, a diciannove anni Giulia Anghelone è diventata maestra e successivamente allenatrice federale di sci alpino. Una personalità che ha dunque ben presente cosa significhi avere a che fare col mondo dello sport: «Sentir parlare di investimenti in questo ambito è molto difficile ma ci tengo a dire che a Rosta invece si investe eccome. Già precedentemente mi ero occupata delle caldaie del Palawave perché so quali svantaggi può portare il doversi allenare in situazioni sfavorevoli come ad esempio l’assenza di riscaldamento. Anche lo scorso anno avevamo approfittato del Bando nazionale “Sport e Periferie” per intervenire sul nostro territorio e lo stesso faremo in futuro per la gestione di tutte le aree-calcio.

Il rapporto con l’ASD Rosta va avanti da tempo e voglio ribadire la mia stima nei loro confronti perché sono un’ottima associazione, hanno mantenuto tutti gli allenamenti finché si è potuto e hanno garantito ai ragazzi una presenza importante. Penso che chi ha lavorato bene negli anni si meriti la fiducia delle istituzioni e per questo l’intenzione è di proseguire nella collaborazione con tutte quelle associazioni che come il Rosta Calcio si sono sempre date da fare.

Personalmente so quanto la fatica che si fa nel mondo dello sport possa poi aiutare anche nella vita e quindi come parte politica voglio cercare di essere sempre presente con cura e passione al fianco di tutti i ragazzi che si avvicinano a questo mondo. Credo che in una zona come la nostra non sia consueto trovare un campo con quattro torri-faro a LED e l’attrattiva che questa innovazione potrà suscitare per gli sportivi è sicuramente un grande incentivo per essere motivati a finanziare un lavoro così importante».