Juan Humareda e i progetti dei Pulcini Misti dello Junior Torrazza

L'istruttore peruviano e tutte le schede dei ragazzi del gialloblù

0
93

La storia di Juan Humareda, attuale allenatore dei Pulcini Misti dello Junior Torrazza, comincia in Perù: «Ho sempre giocato a calcio, prima come difensore e successivamente spostato in avanti, come centrocampista. Il calcio è lo sport che amo, per questo cerco di trasmettere ai bambini non solo le conoscenze tecniche di gioco, ma anche la passione, il rispetto reciproco e l’amicizia. Non voglio essere soltanto il loro allenatore, ma un amico che può insegnargli qualcosa».

Gli allenamenti individuali della squadra sono ripresi la scorsa settimana e si svolgono il martedì e il giovedì pomeriggio, per un’ora, in totale sicurezza e nel rispetto delle norme anti-covid vigenti.

Nei progetti della società, che non smette di guardare al futuro e che anzi si adopera con ogni mezzo per continuare le attività, si fa largo una splendida iniziativa volta a creare una realtà calcistica per bambini con disabilità (qui potete trovare tutte le informazioni).

L’allenatore, tifoso della Juventus, ci ha raccontato con grande entusiasmo i talenti che la squadra vanta. Conosciamoli.

Josè Fantasia: È un 2010, il padre è un grande tifoso dell’inter e per questo io chiamo il bambino “Mourinho”. È un eccellente portiere, nato per quel ruolo.

Stefano Magatti: Ha voluto tentare come portiere e sta facendo enormi progressi. Per via dei suoi capelli rossi in squadra lo chiamiamo “il rosso”.

Lorenzo Giovagnini: Eccezionale in difesa. Non ha paura dell’avversario ed è uno che letteralmente “ci mette la faccia” perché si lancia quasi sempre a colpire di testa!

Matilde e Tommaso Laureri: Gemelli che formano una coppia difensiva esplosiva. Matilde è l’unica ragazza presente in squadra, ha un fortissimo tiro mancino. Tommaso ha sperimentato vari ruoli in campo, ma la difesa è quello che gli calza a pennello.

Gabriele Braggia: Un esterno che può essere schierato sia sulla fascia destra che sinistra. Un po’ timido, perchè arrivato da poco, ma col tempo stiamo cercando di farlo sentire in famiglia.

Francesco Chianese: Anche lui è intercambiabile sulle fasce è molto volenteroso e s’impegna sempre tanto. E’ un grande tifoso del Napoli, spesso si presenta agli allenamenti con la maglia della sua squadra del cuore.

Luca Orsinger: deve ancora trovare la sua dimensione, la zona del campo in cui può dare il meglio di sè. Vuole sempre calciare di punta, è un testardone! [ride]

Lorenzo Vescovi: Centrocampista dai capelli biondi che recupera molti palloni e fa ripartire il gioco. Con lui vale la stessa regola di Stefano (Magatti)…se il portiere è “il rosso”, lui è “il biondo” della squadra!

Edoardo Puletto: Piccolino di statura e mancino. Questo è il primo anno che gioca a calcio, sta imparando a stare sul campo. E’ preciso negli interventi.

Christian Cremonini: Un bravissimo attaccante dallo spirito libero, perché vuol fare quasi sempre di testa sua. Testardone, ma molto capace.

Matteo Bertani: Minuto fisicamente, io lo chiamo “bomber” perché è super grintoso, non si tira mai indietro ed è un gran trascinatore che lotta su ogni pallone.

Leon Olivieri: L’ho conosciuto da poco. Ha un incredibile tiro mancino e un fisico possente. E’ stato lui a segnare il nostro primo gol ufficiale!