Ezio Piccato: allenatore da 40 anni oggi alla guida dei 2009 del Villafranca

La realizzazione di un sogno con il Cavour in Promozione

0
609
Il Villafranca 2009 di Ezio Piccato
Il Villafranca 2009 di Ezio Piccato

Il forte legame con il calcio di Ezio Piccato inizia nel lontano 1976. Oggi, dopo oltre 40 anni di carriera come allenatore è diventato istruttore dei 2009 del Villafranca.

«La mia storia con il calcio comincia nella mia amata città, Cavour, quando avevo 13 anni. Ai tempi c’erano poche squadre, non avevamo le docce e gli spogliatoi erano molto piccoli. Era un mondo diverso rispetto ad oggi. Al Cavour sono arrivato a giocare fino in Terza Categoria, poi a 20 anni ho smesso di giocare per iniziare ad allenare. Non ero molto portato per il calcio giocato, preferivo fare l’allenatore».

La carriera da allenatore di Piccato inizia proprio al Cavour dove grazie ad alcuni amici si è avvicinato a questo mondo: «Nel 1983 sono rimasto al Cavour, ma per allenare. Ho avuto tante soddisfazioni in 15 anni con questa società. Con gli Allievi e gli Juniores abbiamo vinto il Campionato.  Poi sono passato al San Secondo dove abbiamo vinto il Campionato con gli Allievi, siamo arrivati secondi ai regionali con la Juniores e poi sono passato in Prima Categoria. Gli anni al San Secondo sono stati fantastici, avevo una squadra eccezionale e la società ha fatto arrivare giocatori molto validi. Il primo anno siamo arrivati secondi in Campionato dietro al Saluzzo, il secondo anno terzi dopo il Pinerolo e il Saluzzo».

Ezio Piccato però non ha mai dimenticato la squadra del suo paese, dove è tornato è ha realizzato il suo sogno: «Finita l’esperienza al San Secondo sono tornato al Cavour. Per un anno ho fatto il direttore sportivo e poi ho ripreso ad allenare. Con la Prima Squadra ho realizzato il mio sogno, quello che aspettavo da tanto. L’ultima partita di Campionato abbiamo pareggiato 0-0 con il Villafranca e siamo passati in Promozione. Dopodiché mi sono fermato un attimo come allenatore, ma sono sempre rimasto nel mondo del calcio e ho preso il patentino UEFA B».

Ezio Piccato, allenatore del Villafranca 2009
Ezio Piccato, allenatore del Villafranca 2009

Il Villafranca era scritto nel destino di Piccato, infatti finita l’esperienza a Cavour è diventato istruttore dei 2009 di questa società: «Il Villafranca è una società familiare in cui si lavora benissimo. Sono tutte persone fantastiche, a partire dai genitori, ai dirigenti, come Alessandro Quaranta che mi aiuta con i ragazzi e a tutti quelli che fanno parte di questa società. L’attenzione che presta al Settore Giovanile è tanta, e questo è un bene perché il Settore Giovanile è fondamentale per il futuro dei calciatori. Sono molto contento di allenare i 2009 del Villafranca. Ho un gruppo di 15 ragazzi tecnicamente validi, portati per il calcio e con tanta voglia di crescere. In questo periodo sono un po’ penalizzati, perché loro hanno tanta voglia di fare. Fortunatamente però la maggior parte di loro hanno la possibilità di poter giocare in giardino o nei campi vicino a casa».

Ezio Piccato continuerà anche il prossimo anno a seguire i 2009: «La mia passione per il calcio mi spinge sempre ad andare avanti. Ho avuto spesso proposte per allenare in Prima Squadra, ma non voglio farlo, mi diverto molto ad con i bambini. La mia forza è quella di tenere il gruppo unito e mettere passione in quello che faccio. Ai miei ragazzi dico spesso che non è il risultato di una partita a contare, ma il lavoro che facciamo insieme per crescere e migliorare».

Il Villafranca 2009: Fabio De Marchi, Robert Andrei Cioflica, Alessandro Di Maio, Andrea Airaudo, Edoardo Ravetto, Enrico Martinengo, Gabriele Pronino, Elia Cardillo, Filippo Battisti, Samuele Sarcone, Alberto Quaranta, Lorenzo Sola, Umberto Serafino, Vittorio Occhionero, Jonis Harizay