Bruinese 2010, Dream Team nella mani di Sanna

Salvatore Sanna ci ha portato a conoscere il suo gruppo di pulcini della Polisportiva Bruinese.

0
237
I pulcini della Bruinese
I pulcini della Bruinese

Avevano già accesso i riflettori su di loro andando a vincere il girone invernale della passata stagione, al primo anno nella Scuola calcio. I pulcini 2010 della Bruinese sono una squadra importante e a guidarli è l’istruttore Salvatore Sanna. A lui abbiamo chiesto di parlarci del gruppo e dei ragazzi che lo compongono ma, prima di tutto, siamo partiti dalla sua carriera calcistica. La storia di Sanna dimostra che di fronte abbiamo un vero e proprio appassionato di calcio che ha cominciato a calcare i terreni di gioco fin da giovanissimo: “Ho iniziato a cinque anni, quando il calcio era ancora a 11. Ho fatto tutto il percorso dalla Scuola calcio agli Allievi regionali per poi fare 2 anni di Primavera eccellenza. In prima squadra ho sempre giocato a Piossasco”. Per quel che riguarda la carriera da allenatore:”Ho iniziato dalla categoria che oggi si chiama Piccoli Amici con la leva ’92. Ho allenato al Piossasco, al Barracusa, poi sono tornato a Piossasco e, infine, alla Polisportiva Bruinese dove mi trovo da due anni”. Per quel che riguarda il gruppo di cui è istruttore adesso, Sanna ha solo parole di elogio: “La squadra è molto ricettiva e parliamo di un ottimo gruppo sia dal punto di vista collettivo che da quello individuale. Hanno delle potenzialità enormi. La mancanza di continuità, dovuta al periodo, rende il tutto un po’ più difficile ma si possono raggiungere obiettivi importanti in termini di crescita individuale e di gruppo. Prima dello stop eravamo primi in campionato e pensiamo di poterci rimanere fino alla fine; la vittoria fine a sé stessa, però, è un obiettivo secondario”. 

 

I pulcini 2010 della Bruinese
I pulcini 2010 della Bruinese

Nei pulcini 2010 della Bruinese giocano:

Celona Diego detto Pendolino: consuma le corsie esterne a forza di correre avanti e indietro
Peluso Pietro detto Il Muro: invalicabile, una sicurezza in difesa
Demasi Michael detto Il Gigante: grandi doti fisiche al servizio della squadra
Taricco Filippo detto Il Fulmine: una spina nel fianco per le difese, imprendibile
Marchiori Alessandro detto Lo Stiloso: illumina il gioco quando il pallone passa tra i suoi piedi
Multari Tommy detto Il Geometra: dà ordine in mezzo al campo, cervello pensante della squadra
Folegati Andrea detto Il Tecnico: qualità tecniche superiori, una gioia per gli occhi
Zannino Manuel detto Il Giocoliere: grande abilità di dribbling, nasconde il pallone alle difese
Benedetto Antony detto Bomber: quando gli arriva palla in area i portieri tremano, un cecchino
Catano Gabriele detto L’Artista: in campo dipinge calcio, fuori dagli schemi
Celona Nicolò detto Saracinesca: atleticamente molto reattivo e agile, è insuperabile
Pagano Ryan detto Il Ragno: salta da un palo all’altro, costruisce ragnatele all’incrocio che gli attaccanti non possono togliere