Cerca

Nichelino Hesperia, Tommaso Gentile: «La costanza di credere in sé stessi»

Nichelino Hesperia di Tommaso Gentile

Nichelino Hesperia di Tommaso Gentile

Nato con la passione per il calcio in tutte le sue sfaccettature, Tommaso Gentile, attuale istruttore dei Pulcini 2011 del Nichelino Hesperia comincia a scendere in campo già a sei anni col Mirafiori, squadra in cui è rimasto prima di prendersi una pausa alle medie. L'amore per il pallone però non lo tiene lontano dai campi da gioco, e continua ad allenarsi in ogni occasione, come quei tipici pomeriggi passati con gli amici nel segno di un valore non solo educativo, ma quindi anche sociale, del calcio. Entra poi in società come il Capuana, l'Atletico Mirafiori, l'Onnisport, passando infine al Santa Maria, squadre molto diverse fra loro per storia e mentalità, in cui Gentile ha sempre spiccato per il suo ruolo di centrale difensivo. Arriva anche a giocare a cinque e a sette a livello competitivo, guidando squadre come il Mirafiori MM. «Mi è sempre piaciuto allenare, essere sul campo da gioco, poi per il lavoro mi sono fermato», dice Gentile, l'istruttore del Nichelino Hesperia, «quando ho ripreso sono passato per diverse società tra cui il Mirafiori, il Vianney e l'Hesperia, sempre nei Pulcini B. Una personalità per me molto importante è stata quella di Daniele Sorano, mister del Chisola, che mi ha dato l'opportunità di mettermi alla prova. Ci tengo a ringraziare anche Valter Canavese, che mi ha ispirato nel ruolo di allenatore, spiegandomi tutte le sfumature di cosa significa guidare una squadra. Loro mi hanno dato le basi fondamentali, poi qui all'Hesperia sono migliorato sotto l'aspetto tecnico».


Tommaso Gentile, istruttore Nichelino Hesperia Pulcini B

Nonostante il campionato si sia interrotto alla fine della seconda giornata, la sua squadra ha disputato delle gare sopra le righe contro il Barracuda, e soprattutto contro la Sisport, match finito 4-4, in cui le emozioni da far trattenere il fiato non sono mancate, dando così uno spettacolo indimenticabile per tutti i tifosi sugli spalti. Gentile ha ben chiaro come mettere una squadra in campo: «La mia motivazione è la correttezza, voglio che chiunque giochi metta l'impegno giusto, la partita dev'essere un premio per la costanza non solo dell'allenamento fatto durante la settimana, ma la costanza di credere anche in sé stessi». Anche per lui, come per Fabrizio Todarello, un allenatore a cui ispirarsi rimane Antonio Conte: «È capace di trasmettere la determinazione per giocare ogni partita, è un tecnico che va oltre le capacità tecniche e guarda il sudore speso in ogni allenamento».

Nichelino Hesperia di Tommaso Gentile
Nichelino Hesperia di Tommaso Gentile

Ecco la sua squadra, il Nichelino Hesperia, al completo: Marco Tizzani: arrivato dalla Sisport, ci sono state diverse occasioni in cui ha salvato il risultato. Dà il tutto per tutto alla squadra, e ha fatto delle parate spettacolari da lasciare tutti a bocca aperta. Marco Sciulli: anche lui portiere, non perde mai la calma e gioca al meglio delle sue forze, tutto l'impegno che mette nell'allenamento lo premia in controlli eccellenti durante la partita. Federico Dessì: di fede interista, è una roccia in campo. Instancabile, non si ferma mai fino al termine della gara, è infatti uno dei motori dell'Hesperia. Ha grandi doti difensive. Luca Greco: insieme a Dessì forma la coppia difensiva perfetta, è uno dei leader della squadra. Non è solo capace di difendere benissimo la sua area, ma riesce anche a far ripartire l'azione indirizzando i suoi compagni sulle fasce più adatte. Michele Ferrucci: di grande versatilità, può fare più ruoli. Ottimi riflessi sugli anticipi, a livello tecnico è bravissimo. Uno dei fondamentali pilastri della squadra di Gentile. Matteo Todesco: il suo passato è da portiere, ma dopo aver preso i panni di difensore in alcune occasioni, ha cambiato ruolo. Sicurissimo quando ha la palla, riesce a fare un'ottima gestione del gioco. Daniele Stifanelli: dalla grande irruenza e spirito combattivo, i suoi compagni di squadra gli hanno dato il soprannome di Ninja. Dalle energie inesauribili, difende bene la sua posizione e non si tira indietro di fronte a un contrasto Marco Castiello: un bambino che ricorda la forza e bravura di Franck Ribéry del Bayer Monaco, partita dopo partita acquisisce sempre più visione di gioco. Ha disputato delle ottime gare. Roberto Rodà: anche lui come Tizzani viene dalla Sisport, è un mancino dotato di un gran tiro. Riesce a dribblare molto bene, e quando ha la palla cerca di dare il massimo non risparmiandosi in nessuna situazione. Lorenzo Avataneo: quando gioca sembra di vedere il leggendario Roberto Baggio, ha una facilità di dribbling ben sopra le righe. Un giocatore semplicemente esagerato nelle sue ottime qualità. Cody Gabriel Mauro: migliorato moltissimo, il suo credere in sé stesso l'ha portato a essere uno degli elementi imprescindibili dell'Hesperia. Fa benissimo i movimenti capendo l'azione di gioco, se prende di mira la porta è gol. Gabriele Amato: buona visione di gioco, insieme a Mauro forma una coppia d'attacco di altissimo livello. Quando ha la palla sa bene cosa fare per far salire i compagni, e ha avuto un ruolo fondamentale in ogni gol segnato.  

CLICCA QUI PER IL MESSAGGIO DI TOMMASO GENTILE

 
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Terzo Tempo

Caratteri rimanenti: 400

Edicola DIgitale