Cerca

Edoardo Rota e i suoi 10 anni al San Giacomo Chieri, ora con i Pulcini 2010

Pulcini 2010 San Giacomo Chieri di Edoardo Rota

Pulcini 2010 del San Giacomo Chieri di Edoardo Rota

Edoardo Rota, allenatore del San Giacomo Chieri, da quest'anno ha iniziato ad occuparsi della squadra dei Pulcini 2010. Ormai sono circa dieci anni che l'istruttore è all'interno della società chierese tra il periodo in cui è stato giocatore ed il periodo da allenatore. Il suo percorso nel modo del calcio comincia a cinque anni nel Chieri dove rimane fino alle categorie giovanili. Come giocatore si è distinto da subito per la sua velocità nei ruoli di esterno e prima punta. La sua abilità di portare rapidità al gioco infatti, in seguito al suo passaggio alla Leo Chieri, gli fa conquistare anche una classifica marcatori. Due anni e mezzo dopo però decise di cambiare società e di approdare al San Giacomo Chieri. Sono quindi dieci anni per Edoardo Rota all'interno di quella che definisce la: «Grande ed accogliente famiglia in cui tutti si sostengono» del San Giacomo Chieri. Dopo due anni e mezzo da giocatore arrivando alla categoria Allievi, decide di provare a diventare allenatore. Gli viene inizialmente proposta come prima esperienza la panchina dei Primi Calci di cui si occuperà per 3 anni. Come la sua carriera anche le soddisfazioni sono cresciute nel tempo. Allenando la categoria di Pulcini 2009 i risultati infatti non sono tardati ad arrivare. Per due anni di fila Edoardo Rota e la sua squadra sono riusciti con grinta ad arrivare secondi nei campionati invernali. Hanno inoltre regalato al San Giacomo Chieri un trofeo mai raggiunto prima come Scuola calcio. Con 4 partite vinte e 2 in pareggio si sono infatti aggiudicati la vittoria del torneo Grande Slam. Quest'anno con i Pulcini 2010, nonostante il blocco del settore sportivo dovuto all'emergenza sanitaria mondiale, si è potuto già comunque notare l'indole grintosa della squadra. Ad inizio anno nel campionato successivamente interrotto SuperOscar sono riusciti con impegno a portare a casa già due vittorie. Per i soli due mesi che si sono potuti allenare, Edoardo Rota afferma: «I numeri in questa squadra ci sono tutti. Ho potuto vedere che in ogni reparto di questa squadra ho elementi validi. E' una squadra molto forte ed unita». Come allenatore Edoardo Rota ci tiene a formare tecnicamente i suoi ragazzi: «Insegno loro tutti i fondamentali e le basi del calcio: gli stop, i passaggi, la conduzione palla a testa alta ed il giro palla. Soprattutto dico no ai lanci lunghi a casaccio per cercare il gol! Bisogna saper giocare bene». Vuole molto bene ai suoi ragazzi e li incoraggia sempre al divertimento non mancando però di far loro mantenere i piedi a terra: «Quando capita di perdere qualche incontro in cui si è giocato bene incoraggio i ragazzi a vedere i progressi fatti e l'impegno dimostrato. Quando si vincono delle partite giocate male un po' li rimprovero e li esorto a non esultare troppo per non farli adagiare sulla vittoria». Per Edoardo Rota il calcio oltre che far divertire significa anche regole, disciplina, dedizione e rispetto. L'istruzione per lui è fondamentale e vorrebbe che i suoi ragazzi apprendessero da questa disciplina tutto l'insieme di valori che potrebbero essere utili alla loro crescita personale. Oltre a ciò ci tiene a trasmettere la stessa passione per il pallone che negli anni non lo ha mai allontanato dai campi da calcio. La squadra dei Pulcini 2010 è composta da ventitré ragazzi che per essere tutti ben seguiti ed avere occasione di essere messi in gioco sono stati divisi in due gruppi, uno dei quali è sotto la guida del collega Matteo Ballarini.  


Pulcini 2010 San Giacomo Chieri

Ecco presentati i ragazzi del gruppo Pulcini 2010 di Edoardo Rota: Edoardo Gusella: È una sicurezza in porta. Sempre molto attento al gioco e scattante nel momento giusto, porta grande sostegno alla squadra. Nicolò Passione: A lui viene affidato il gioco a centro campo. Da regista sa bene quando far partire le azioni. È un punto di riferimento per la squadra. Davide Coscarelli: È come un rapace. Nato per il gol è destinato alla posizione di attacco. una volta centrato l'obiettivo ci sfreccia incontro. Davide Sava: Difensore abile tecnicamente è sempre pronto a fare muro contro chiunque si diriga nell'area della porta. Insieme al suo compagno Arduini sono bravi a rovesciare le sorti di gioco. Davide Arduini: Altro difensore molto abile che senza esitazione funge da blocco a chiunque tenti di avvicinarsi alla porta. Insieme al compagno Sava sono la "benzina continua" della squadra. Lorenzo Russo: Esterno molto capace che in ogni posizione ha la caratteristica di saper usare indifferentemente bene entrambi i piedi. Tecnicamente bravo. Daniele Porcu: Altro difensore che viene definito "il mancino fatato". Chiaramente mancino è ritenuto fatato per la cura ed il tecnicismo con cui esegue tutte le sue azioni con la palla. Alessandro Martina: In lui abbiamo il Jolly della squadra. Abile tecnicamente lo possiamo vedere eseguire bene le azioni come esterno, difensore e come centrocampista. Francesco Bravetti: Grintoso e tecnicamente pulito come i suoi compagni, Francesco gioca in modo ugualmente valido sia in posizione di difesa che come esterno.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Terzo Tempo

Caratteri rimanenti: 400

Edicola DIgitale