Città di Caselle: Chisola, Strambinese, Caselle e Pro Eureka alla fase regionale

Vinovesi imbattuti, i blucerchiati passano per la differenza reti. Green card per Dameglio del Chisola

0
276
Il Caselle di Roberto Melis

Domenica si è svolta la fase provinciale del torneo Città di Caselle, competizione riservata alla categoria Esordienti 2006. I tre gironi eliminatori, composti da tre squadre ciascuno, vedevano coinvolti Chisola, Cafasse, Strambinese (girone A), Pro Eureka, Settimo, Rapid Torino (girone B), Caselle, Lombardore e Nichelino Hesperia (girone C). Gli scontri diretti della fase successiva, valevoli per la qualificazione alla fase regionale, hanno riservato alcune sorprese.

I padroni di casa del Caselle, in particolare, dopo i due pareggi della fase preliminare con Lombardore e Hesperia, sono riusciti a imporsi con un tonante 3-0 col Settimo, che invece aveva passato il turno a punteggio pieno. Lo slot lasciato libero dal Caselle, che aveva già un posto di diritto alla fase regionale, è stato preso dalla Pro Eureka come migliore delle sconfitte del secondo turno, per differenza reti. Si qualifica anche la Strambinese, che, passata da seconda, supera con un netto 3-0 il Lombardore. En plein per il Chisola di Abate Daga, che inanella tre vittorie su tre matches disputati (3-1 alla Strambinese, 6-0 al Cafasse e 3-1 alla Pro Eureka) e vola alla fase regionale.

Alessandro Dameglio, centrocampista del Chisola

Oltre alla soddisfazione dell’imbattibilità i vinovesi terminano la fase provinciale del Città di Caselle con un prezioso riconoscimento assegnato ad uno dei suoi giocatori. Alessandro Dameglio, centrocampista col vizio del gol, si è infatti meritato un cartellino verde, conferitogli per l’ottima prova con la Pro Eureka, condita inoltre da un bellissimo gol (che potete vedere qui sotto).

 

Il prossimo appuntamento, il più importante e conclusivo del Città di Caselle, è fissato per l’11 maggio, data della fase finale regionale del torneo. Chisola, Strambinese, Pro Eureka e Caselle avranno modo di misurare i progressi fatti nel corso della seconda parte della stagione e, perché no, di togliersi qualche bella soddisfazione.