Olympic Collegno 2009, operazione trionfo per sorprendere con Morgigno

Gli orange avevano iniziato alla grande questa stagione

0
360
Olympic Collegno 2009, l'intera squadra schierata
Olympic Collegno 2009, l'intera squadra schierata

Olympic Collegno gagliardo e ricco di aspettative quello che ha contraddistinto l’inizio della stagione sportiva per il team dei 2009. La formazione degli Esordienti del primo anno, guidata da Giovanni Morgigno, ha pareggiato la prima gara e vinto la seconda.

I giocatori del team arancionero hanno segnato, in queste due partite, nove gol, quindi una sicura garanzia per il loro futuro sportivo ed agonistico. Oltre all’istruttore, i dirigenti Dario Americo, Bruno Di Bartolomeo e Saro Ferranti completano la squadra.

Il team

«Undici giocatori compongono la nostra formazione – afferma Morgigno – e stavano per aggiungersi altri due elementi a fine ottobre, ma la pandemia ha bloccato tutto. La maggior parte di loro provengono dalle fila del Lesna Gold, me compreso. La stagione sportiva ha avuto un buon avvio: a settembre abbiamo disputato il Palio di Torino. Nel torneo abbiamo sconfitto i gruppi del Lucento e del Bacigalupo. Abbiamo anche affrontato e trionfato nel Memorial Federico Carpinelli qui da noi all’Olympic Collegno».

L’istruttore

Morgigno, nato nel 1976, ha disputato, nel ruolo di difensore centrale, nelle formazioni del Gionchetto di Chieri, del Meroni Rivoli e del San Rocco, un club di San Mauro Torinese, iscritto alla UISP. Per lui questo è il quinto anno che allena, dopo il primo sotto la guida di Giuseppe Acconcia al Collegno Paradiso.

In seguito ha trascorso due stagioni calcistiche all’Olympic Collegno, è andato al Lesna Gold per un anno, ed ora di nuovo all’Olympic. Morgigno ha avuto anche un’esperienza come dirigente alla Ferrante Soccer School.

I giocatori

Ecco tutti gli undici calciatori dell’Olympic Collegno 2009. In alcuni casi Morgigno ha modificato il ruolo dei singoli atleti rispetto agli anni precedenti, trovando quello migliore per ciascuno.

Alessandro Americo: portiere ormai da due anni, in passato era difensore. Ben preparato tecnicamente, il suo punto di forza è la presa del pallone. Blocca molto bene le insidie in area.

Christian Catalano: difensore, gioca sulle fasce, alle sue prime esperienze calcistiche. Ha un grande desiderio di allenarsi, di giocare e di mettersi alla prova. I suoi progressi si vedono.

Alex Cicio: difensore e centrocampista, adoperato come esterno. Dotato di buona velocità e di un bel tiro.

Federico Consorte: difensore, anni fa stava tra i pali. Decisamente alto e con un fisico piuttosto imponente.

Alessandro Di Bartolomeo: fantasista, impiegato nello specifico a centrocampo, tra i più avanzati sul piano tecnico. In grado di provocare l’inizio dell’azione offensiva, un playmaker del calcio.

Christian Ferranti: gioca come esterno, talvolta collocato in attacco. Molto forte e preparato, ha avuto un grosso miglioramento in breve tempo. Velocista, il suo tiro spaventa gli avversari.

Mattia Filius: attaccante e, all’occorrenza centrocampista esterno. Era già presente in società in precedenza, il suo impegno e la sua dedizione sono costanti.

Federico Marini: in passato era attaccante, adesso ha trovato migliore sistemazione a centrocampo. Fisico sostenuto e, allo stesso tempo, davvero scattante.

Manuel Nicosia: difensore centrale, ogni tanto applicato come esterno, sulla fascia sinistra. Elemento insostituibile del gruppo, le proprie marcature sono sicure, si muove con rapidità.

Marco Nizzi: attaccante, anche se con un passato di centrocampista sempre all’Olympic, dove gioca da due anni. Sembra più grande di almeno due anni, ricorda molto capitan Belotti del Toro.

Alessio Russo: difensore centrale, sa interpretare alla perfezione la gara in corso. Ottima visione di gioco, senza rivali nelle marcature.