Da inviato ad allenatore, la storia dell’istruttore del Lucento 2010 Gregorio Antonino

Ai Pulcini dopo due anni ai 2012 rossoblù

0
381
Giovannni Antonino con i Pulcini 2010 del Lucento
Giovannni Antonino con i Pulcini 2010 del Lucento

«Ho iniziato, circa cinque anni fa, una collaborazione con Sprint e Sport girando le società per assistere alle varie partite. Il Lucento mi ha offerto la possibilità di mettermi in gioco iniziando una nuova avventura». Questa è la storia di Gregorio Antonino, da un anno istruttore del Lucento 2010. La sua passione per il pallone non solo lo gli ha permesso di vivere un’esperienza da inviato, ma anche di realizzare il sogno di una vita.

È al primo anno con i 2010, ma ha alle spalle due anni in panchina con i 2012. Prima ancora però è stato un brillante terzino sinistro ed ha iniziato la sua carriera in casa del Pertusa: «Fin da subito ho amato il calcio in tutte le sue sfumature ed ero certo che in un modo o nell’altro non avrebbe mai abbandonato la mia vita”. Classe ’93 dopo aver girato diverse tra le più note società di Torino Gregorio ha chiuso il sipario con il Bacigalupo, teatro in cui ha messo in scena le sue ultime giocate.

«Con i 2012 abbiamo portato a casa grandi soddisfazioni, una fra tutte l’amichevole contro il Torino, ed anche quest’anno la voglia di fare bene era tanta ma siamo rimasti con l’amaro in bocca». Le ultime due stagioni sono state un punto di domanda per tutti, impossibile fare progetti quando il futuro stesso è incerto, ma le mura dei rossoblù accolgono una società di guerrieri che non si sono scoraggiati e sono impazienti di tornare sui campi, più uniti che mai.

Conosciamo ora la rosa dei 2010 del Lucento, un gruppo di piccole promesse: Mihalescu Andrei, Novac Dorin, Okol Hans, Ougri Ilyas, Pedalino Giacomo, Sabri Omar, Sanna Nicolò, Adiele Maxwell, Dobrea Cosmin, Ifa Clayton, Maggio Marco, Masciovecchio Lorenzo, Mbionwi Franklin.