Teo Spinelli e i Pulcini 2010 del Chieri: «Imparare ad educare la palla»

Dopo Sergio Biancato ecco l'istruttore cresciuto calcisticamente tra Trofarello e Cambiano

0
469
Pulcini 2010 del Chieri con Teo Spinelli, Fabrizio Gregnol e Sergio Biancato.
Pulcini 2010 del Chieri con Teo Spinelli, Fabrizio Gregnol e Sergio Biancato.

Teo Spinelli è uno dei tre allenatori che segue i trentasette ragazzi della categoria Pulcini 2010 nel Chieri. Oggi insieme ai suoi colleghi Fabrizio Gregnol e Sergio Biancato, da quattro anni segue i tre gruppi in cui è suddivisa la numerosa squadra.

La sua carriera nel mondo del calcio è cominciata come giocatore, da difensore centrale. Prima nel Trofarello e poi al Cambiano, è arrivato a giocare in Promozione. L’istruttore racconta: «Da calciatore sono passato ad allenatore quasi per scherzo, ma poi mi son reso conto che mi piaceva molto allenare i ragazzi. Tutto è nato seguendo mio figlio a bordo campo quando giocava al San Giacomo».

E sempre seguendo il figlio, da quasi undici anni svolge la sua attività di istruttore: «Lavoriamo molto seriamente come educatori. Il Chieri è una società selettiva e ci teniamo a mantenere lo standard a 360 gradi».

Racconta Teo Spinelli sulla particolare suddivisione dei Pulcini del Chieri 2010: «Seguiamo trentasei ragazzi divisi in tre gruppi per poter dare a tutti la giusta attenzione e cura. La cosa che più mi ha stupito è che anche se sono numerosi e divisi, il senso di unità non manca. I ragazzi si sostengono e non litigano mai tra loro. Inoltre a volte i gruppi vengono smistati per dare la possibilità a tutti di entrare in contatto e conoscersi».

L’Imprinting educativo che adopera segue una scaletta per lui fondamentale nella formazione dei ragazzi: «Prima di tutto ricordiamo sempre loro che la scuola e l’istruzione sono fondamentali. Come seconda cosa è importante che abbiano ben chiare le regole e il modo in cui ci si comporta sia fuori che dentro il campo. Portare rispetto quindi non solo in quanto giocatori ma anche come persone. Da ultimo e non meno importante l’educazione tecnica del calcio».

Definendo la preparazione tecnica come: «Imparare ad educare la palla», Teo Spinelli insegna ai suoi ragazzi che: «Non è la palla a decidere dove andare, ma sono loro a portarla dove vogliono e ad educarla a seguire i piedi. È importante che imparino a saperla controllare, solo poi si passa al come stare in campo e come giocare nei vari ruoli».

In un periodo complicato come questo poi, per rendere più interessanti gli allenamenti si organizzano delle piccole gare da svolgere secondo normative: «Cerchiamo di fargli vivere in qualche modo il brivido della competizione che manca. Non potendo fare partite, queste gare danno un po di sprint agli allenamenti che altrimenti sarebbero solo fatti di tecnicismi. Bisogna tenere alto lo spirito».

Teo Spinelli si ritiene molto orgoglioso di tutti i Pulcini 2010 per il lavoro svolto fino ad ora. Ricorda in particolare un’esperienza che gli ha restituito molta soddisfazione come allenatore: «Abbiamo partecipato al campionato della Juventus Academy ed in un girone abbiamo giocato con il Fossano. In quella partita ho parlato veramente poco. E quando un allenatore ha poco da dire significa che i ragazzi stanno facendo tutto a regola d’arte in autonomia. Questo al di la del risultato numerico è già una vittoria per tutti».

LA SQUADRA

Ecco i nomi dei Pulcini 2010 del Chieri allenati da Teo Spinelli, Fabrizio Gregnol e Sergio Biancato:

Berruto Francesco, Cassatela Vittorio, Comoli Matteo, Cordero Samuele, Cucco Alberto, Cuniberti Davide, De Stasio Lorenzo, Defend Alessandro, Dioum Kader, Dumitrescu Nicolas Denis, Elia Stefano, Falvella Lorenzo, Fasano Lorenzo, Ferrato Andrea, Franceschi Giorgio, Gaidano Federico, Gangitano Davide, Gobbato Alex, Golè Guglielmo, Gunetti Alberto Maria, Iorio Simone, Italiano Daniele, Lupascu Octavian, Maglione Nicolo’ Pio, Marcarini Francesco, Mattana Chubaka, Mellace Diego, Molineris Ivan, Novara Tommaso Andrea, Parizia Riccardo, Pezzano Iacopo Leone, Recchia Edoardo, Tanase Vlad, Tozzi Filippo, Tridente Ulderico, Veronese Tozzi Filippo.