Cerca

Viaggio tra i più gloriosi club del mondo: il Bayern Monaco

Il Bayern Monaco vince la prima Bundesliga nel 1969

Il Bayern Monaco vince la prima Bundesliga nel 1969 (foto wikipedia.org)

Nell'articolo precedente abbiamo conosciuto in modo più approfondito la squadra inglese del Manchester United. Oggi ci spostiamo nel sud della Germania con la squadra più titolata del paese, il Bayern Monaco.

Il Fußball-Club Bayern München nasce nel febbraio del 1900 al Cafè Gisela, da una costola del MTV 1879 München (club sportivo incentrato sulla ginnastica) capitanata da Franz John. Inizialmente i colori della società sono il bianco e l'azzurro, ovvero i colori simbolo della Baviera, ma presto cambieranno. Con l'unione con il Münchner SC nel 1905, la squadra adotta i colori utilizzati tutt'ora, ovvero il bianco e il rosso. Il primo titolo arriva nel 1909, quando il Bayern Monaco vince il campionato bavarese.

GLI ANNI DEL NAZISMO

Sono anni difficili per la squadra bavarese. Dopo aver vinto il campionato del sud della Germania nel 1926, il Bayern Monaco conquista il primo titolo Nazionale nel 1932. Giunti a Norimberga i "rossi" vincono 2 a 0 contro Eintracht Francoforte, diventando così uno dei più grandi club della Germania. Presto però l'entusiasmo della squadra è destinato a spegnersi con l'avvento del nazismo. Il Bayern viene etichettato come un club ebreo e alcuni giocatori si vedono costretti a scappare dal paese. La peggior sorte tocca al presidente Kurt Landauer, che viene deportato nel campo di concentramento di Dachau, ma dal quale uscirà fortunatamente dopo un mese. Le modifiche apportate al campionato (chiamato dal regime Gauliga) vedono la comparsa di tanti piccoli campionati per ogni divisione amministrativa della Germania. Il Bayern Monaco, messo a dura prova dalla dittatura, perde la sua importante posizione, arrivando addirittura a piazzarsi 81esimo nella classifica del Reich. Con la fine della guerra la città di Monaco è annessa alla Germania Ovest e la squadra entra a far parte di una delle cinque massime divisioni nazionali, ma fa molta fatica a riprendersi. Solo nel 1957 conquistano la Coppa della Germania meridionale.

La formazione del Bayern Monaco vincitrice del primo titolo tedesco nel 1932
La formazione del Bayern Monaco vincitrice del primo titolo tedesco nel 1932 (foto wikipedia.org)

GLI ANNI D'ORO

Gli anni 60 sono anni di rinascita per il Bayern Monaco. Nel 1963 nasce la Bundesliga, il massimo campionato tedesco, ma la squadra non riesce ad entrarvi. Nel 1965 i "rossi" vengono promossi e possono finalmente accedere alla Bundesliga, grazie a figure importanti come il goleador Rainer Ohlhauser e alle tre stelle che renderanno grande la squadra negli anni successivi: Sepp Maier, Franz Anton Beckenbauer (vincitore del Pallone d'oro nel 1976) e Gerhard Müller (vincitore del Pallone d'oro e della Scarpa d'oro nel 1970). Nei primi anni vincono due coppe Nazionali, ma i risultati nella Coppa delle Coppe ancora non arrivano. Sotto la guida dell'allenatore jugoslavo Branko Zebec nella stagione 1968/69, il Bayern conquista la sua prima Bundesliga e la Coppa di Germania, consolidando il primo double nella storia del calcio tedesco. Nella stagione 1971/72 i "rossi" vincono il terzo titolo tedesco, battendo lo Schalke 04 nell'ultima di campionato. Questa partita fu inoltre importante perché inaugurò l' Olympiastadion di Monaco e fu la prima partita di campionato ad essere trasmessa in diretta televisiva. Nelle stagioni successive arrivano il quarto e il quinto titolo tedesco. Ma nel 1974 arriva anche la prima Coppa dei Campioni, dopo una partita molto combattuta contro l' Atletico Madrid. L'anno successivo insieme al campionato arriva la seconda Coppa dei Campioni, vinta in finale contro il Saint-Etienne grazie al gol di Franz Roth. L'ultima importante vittoria di questi anni è quella del 1976 con la Coppa Intercontinentale contro i brasiliani del Cruzeiro.

Lo storico portiere Sepp Maier solleva la prima Coppa dei Campioni vinta con il Bayern Monaco nel 1974
Lo storico portiere Sepp Maier solleva la prima Coppa dei Campioni vinta dal Bayern Monaco nel 1974 (foto wikipedia.org)

TANTI CAMBIAMENTI MA POCHE VITTORIE

Tra la fine degli anni '70 e l'inizio degli '80 il Bayern Monaco deve affrontare l'addio di molte figure importanti: dai due fuoriclasse Beckenbauer e Müller a Sepp Maier, per citarne alcuni. Ma è un periodo segnato anche da nuovi arrivi, come Klaus Augenthaler, il dirigente Dieter Hoeneß e l'allenatore ungherese Pal Csernai, con il quale la squadra torna a vincere il campionato dopo 6 anni nella stagione 1979/80. Le quattro stagioni successive vedono i "rossi" conquistare altri quattro campionati, ma le vittorie internazionali non arrivano. Nella stagione 1985/86 il Bayern conquista nuovamente il double, vincendo campionato e la Coppa di Germania, mentre quella successiva arriva il decimo titolo tedesco. Intanto la ricerca del giusto allenatore che riporti la squadra a brillare nei tornei più importanti continua. Per tutti gli anni 90 c'è un susseguirsi di tecnici. Con Jupp Heynckes nel 1987 si aggiudicano la prima Supercoppa di Germania e il campionato. Il ritorno di Beckenbauer porta nuovamente la squadra a vincere il campionato del 1993/1994 e con l'arrivo di Giovanni Trapattoni si aggiungono alla rosa giocatori di un certo spessore: uno dei migliori portieri di sempre, Oliver Kahn e il pallone d'oro Jean-Pierre Papin. L'era del Trap non è però brillante, infatti la squadra viene eliminata dalla Supercoppa di Germania, dalla Coppa di Germania e dalla Champions League, chiudendo il campionato al sesto posto (Trapattoni si rifarà al suo ritorno dopo la parentesi al Cagliari vincendo la Bundesliga 1996/97). Dopo vent'anni, con il ritorno nuovamente alla panchina di Beckenbauer, tornano a vincere un titolo internazionale, la Coppa UEFA.

GLI ANNI 2000

Lo sbocciare del nuovo secolo porta aria di vittoria in casa Bayern. Dopo il successo mancato in Champions League (1998) sotto la guida Ottmar Hitzfeld, la squadra si aggiudica la Coppa di Lega e il campionato, che vincerà anche nell'anno successivo. Ma la stagione che rimarrà per sempre nel cuore dei tifosi è quelle del 2000/2001. Il biennio inizia con la vittoria della Coppa di Lega e del campionato, proseguendo poi con la conquista della Champions League. Il 23 maggio 2001 a Milano, i bavaresi battono ai calci di rigore il Valencia conquistando la "coppa dalle grandi orecchie". Memorabile fu la prestazione del portiere Kahn che parò 3 rigori su 7. Poco dopo arriva anche la seconda Coppa Intercontinentale vinta contro il Boca Juniors. Dopo il double nella stagione 2002/2003, la guida della squadra passa sotto Felix Magath, che porterà i "rossi" alla vittoria del campionato e della Coppa di Germania nelle stagioni 2004/2005 e 2005/2006. Quello del 2007/2008 è un biennio di grandi arrivi ma anche di significative partenze. Dalla Fiorentina arriva Luca Toni, dall' Olympique Marsiglia Franck Ribery e dal Werder Brema Miroslav Klose. Nel settembre 2008 si congeda dal calcio giocato Kahn, dopo vent'anni di carriera di cui 14 al Bayern. Nel 2009 arriva un altro pezzo importante per la squadra, l'olandese Arjen Robben, che insieme Ribery formerà una coppia invincibile, soprannominata " Robbery", che per 10 anni regalerà grandi emozioni per la squadra bavarese.

I tifosi del Bayern Monaco salutano la coppia vincente Robben-Ribery
I tifosi del Bayern Monaco salutano la coppia vincente Robben-Ribery (foto wikipedia.org)

LE ULTIME DUE CHAMPIONS LEAGUE

Sotto la guida di Louis van Gaal il Bayern Monaco chiude la stagione 2009/2010 con la vittoria della Coppa di Germania e del campionato. Lo stesso anno arrivano molto vicini al triplete, senza però raggiungerlo, perdendo in finale di Champions contro l' Inter. Il  triplete arriverà solo dopo qualche anno, nel 2013, quando dopo 3 finali disputate in 4 anni il Bayern Monaco diventa campione d'Europa, di nuovo sotto la guida di Heynckes. La finale disputata a Londra contro il Borussia Dortmund vede i "rossi" vincere per 2 a 1 grazie ad una performance memorabile di Robben. Con in panchina Josep Guardiola prima e Carlo Ancelotti dopo la squadra si aggiudica 8 titoli nazionali di fila e diverse coppe come la Supercoppa europea, il Mondiale per Club e la Coppa di Germania. Nella stagione 2019/2020 il Bayern Monaco conquista di nuovo il triplete diventando per la trentesima volta campione di Germania, vincendo la ventesima Coppa di Germania e la sesta Champions battendo in finale il Paris Saint-Germain.

La formazione del Bayern Monaco che vinse la Champions League nel 2013
La formazione del Bayern Monaco che vinse la Champions League nel 2013 (foto wikipedia.org)

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Terzo Tempo

Caratteri rimanenti: 400

Edicola DIgitale